One more thing…

iphone6

(Visto che me lo chiedete in tanti, anche se sinceramente non ne comprendo il motivo) NO, NON ME LO COMPRO L’IPHONE 6! Bello è bello. Stupendo. Sul design e sui materiali a Apple non si può dire nulla. Ma iOS ha rotto il cazzo con le sue limitazioni e con la sua possibilità di personalizzazione pari a zero. Le cose che fa le fa maniacalmente bene, ai limiti della perfezione. Ma per parecchie altre cose Android è su un altro pianeta. E parlo di Android puro, non di quella roba oscena che gira sui telefonini Samsung. Grazie a dio Android non è Samsung, come molti confondono. Samsung è la merda. E poi finché con un telefono da 300€ potrò fare le stesse cose (quelle che mi occorre fare, non quelle che qualcuno vorrebbe spacciarmi per fondamentali ed indispensabili anche se non mi servono) nello stesso modo di un altro da 900€, di che cosa stiamo parlando?!? Ok, col telefono da 300€ nessuno dei miei amici mi dirà più “WOW!”, ma sticazzi. Non è un flame, è come la penso da iOS7 in poi.

I tempi sono cambiati

Se nel 1983 io avessi indossato una t-shirt con la scritta “TORTORA LIBERO”, i media e l’opinione pubblica sarebbero tranquillamente riusciti a comprendere e tollerare la libera manifestazione della mia convinzione della totale estraneità di Enzo Tortora ai fatti che gli erano stati contestati e non si sarebbero permessi nemmeno lontanamente di sostenere come io in realtà stessi facendo il tifo per la camorra e stessi di fatto giustificando il traffico di droga. Oggi no. Oggi chi indossa la maglietta “SPEZIALE LIBERO” vuole liberare un omicida e vuole morti tutti gli sbirri. Oggi la Legge è uguale per tutti… gli ultras.

Anta roba

Il signor Giovanni Google non sarà contentissimo, così come probabilmente non lo saranno tutti quelli che venivano qui a farsi i cazzi miei leggendo le fenomenologie, gli scleri, le storielle e le puttanate personali che da 10 anni a questa parte ero solito condividere. Ho “formattato” il blog. I giovani d’oggi, quelli dei selfie e delle sveltine in 140 caratteri, non avrebbero capito. Signora mia, qui una volta era tutta campagna. E no, non è colpa delle nuove generazioni. Nè possiamo definirci gli ultimi romantici. Semplicemente, si invecchia.