Come scegliere i venditori per la propria azienda?

Come scegliere i venditori per la propria azienda?

Ottobre 27, 2021 0 di Admin

Quando abbiamo bisogno di rappresentanti per la nostra azienda?

Se abbiamo un’azienda, sicuramente il nostro principale obiettivo è quello di farla crescere, e spesso possiamo raggiungere questo obiettivo attuando una buona strategia di vendita. Naturalmente ci sono dei settori che più di altri trarranno beneficio da una buona rete di venditori.

In realtà una rete di vendita implica diverse figure commerciali, tra cui:

  • Il consulente commerciale
  • Il rappresentante 
  • L’agente di commercio
  • Il procacciatore d’affari

Tenuto conto delle nostre esigenze particolari e del tipo di prodotto che ci impegniamo a proporre andremo a stabilire di quale genere di professionisti abbiamo particolare bisogno. Avremo bisogno di una rete di venditori soprattutto se i nostri servizi richiedono un contatto personale con i clienti.

Giusto per fare un po’ di chiarezza, molti confondono la figura dell’agente di commercio con quella del rappresentante. In realtà c’è una sottile differenza. Nel primo caso, l’incaricato avrà il compito di presentare l’offerta commerciale aziendale ai clienti, ma non sarà lui a concludere i contratti. Il rappresentante ed il venditore invece ha la facoltà di presentare l’offerta e di concludere il contratto con il cliente.

Effettuare la ricerca agenti può non essere facile. Tra le alternative più serie che abbiamo per contattare un bravo agente di commercio c’è quella di inserire un annuncio su un giornale della zona, sia in formato cartaceo che sulla versione online. Potremmo anche consultare Linkedin, il social del lavoro per eccellenza.

Ancora meglio sarebbe consultare una piattaforma online specializzata nello scouting di rappresentanti. Grazie a questi siti possiamo essere messi in contatto con qualcuno che risponde esattamente al profilo che stiamo cercando.

Specifichiamo di seguito alcuni consigli utili nella scelta del candidato ideale.

Linee guida per scegliere un venditore

Innanzitutto, impegniamoci a tenere un colloquio di lavoro personalmente. In questo modo potremo valutare alcuni aspetti più da vicino. Su tutti le capacità interlocutorie del candidato, che dovrebbe avere una buona dialettica ed una buona capacità di esprimersi. Dovrebbe essere in grado di empatizzare con i clienti. Benché l’ideale sarebbe vederlo all’opera, un confronto diretto ci darà la possibilità di capire i punti forti della sua personalità.

Oltre a valutare le competenze professionali, cerchiamo di capire la persona che abbiamo di fronte. Prendiamo informazioni sulla sua reputazione e sulla sua professionalità. Il rappresentante rifletterà la nostra azienda ogni qualvolta entrerà in contatto con un cliente. Non vorremmo mai che una persona poco seria ed inaffidabile mettese in cattiva luce il nostro operato.

Scegliere un candidato con grande esperienza potrebbe presentare i suoi vantaggi, ma non si tratta di certo dell’unica scelta. Un candidato giovane e motivato potrebbe essere un’arma in più per aggredire un territorio con un prodotto nuovo sul mercato. D’altra parte un rappresentante ben conosciuto e con mandati da altre aziende avrebbe più facilità nell’inserire i nostri prodotti laddove sono presenti altri prodotti da lui forniti. L’altra faccia della medaglia di chi segue troppe aziende è che non siamo certi che darà sempre la priorità alla nostra azienda. Pertanto siamo chiari fin dall’inizio con lui e spieghiamogli quali risultati vorremmo ottenere.