La primavera a Gallipoli

La primavera a Gallipoli

Maggio 13, 2022 0 di Admin

Perché visitare il Salento in Primavera

Il Salento è una terra molto generosa, che mette a disposizione di chi decide di visitarla un’immensa ricchezza di bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche che hanno dato vita ad un fiorente turismo destagionalizzato.

Se da una parte è vero che il mare rimane l’attrazione principale di questo territorio, facendo registrare ogni anno il “sold out” nelle strutture ricettive della zona, è anche vero che il Salento è bello tutto l’anno. In questo articolo ci soffermeremo su quello che possiamo fare a Gallipoli e dintorni durante la primavera.

Prima di iniziare però, ricordiamoci di visitare il sito di una delle tante agenzie o tour operator della zona. Grazie a realtà come Lupiae Vacanze, si ha infatti la possibilità di scegliere tra tante case vacanze a Gallipoli, l’offerta più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

Cosa fare a Gallipoli e dintorni

La primavera uno dei momenti di massimo splendore del Salento. La natura prende il possesso dei campi, impreziosendoli con un’esplosione di colori che rapiscono gli sguardi di chi sa apprezzarli.

Visitare la città di Gallipoli in questo periodo è particolarmente indicato. Innanzitutto, ci permetterà di visitare le bellezze del suo centro storico, i suoi mille scorci e le ricchezze architettoniche tipiche del barocco leccese senza doversi districare tra la calca di gente che ritroviamo nei mesi estivi. Ad attenderci ci saranno le chiese secolari, i palazzi barocco, i frantoi ipogei… Non sarà nemmeno difficile trovare un locale libero dove gustare le specialità di pesce per cui la città costiera è così celebre.

Questo è anche il periodo migliore per visitare alcune zone paesaggistiche dalla profonda suggestione. Poco a Nord di Gallipoli troviamo la chiesetta di San Mauro, una costruzione risalente al 1200 circa ed avvolta da un fascino mistico. La chiesetta si trova lungo un percorso di trekking, che ci porterà a stretto contatto con la natura brulla e selvaggia del posto offrendoci uno dei panorami più belli del Salento.

La presenza di maneggi apre alla possibilità di una bellissima escursione a cavallo. Un’esperienza indimenticabile in sella ad un destriero che ci porterà attraverso i colori ed i profumi del Salento all’interno della riserva di Punta Pizzo e della baia di Punta della Suina. Il turismo equestre in primavera è molto gettonato viste le temperature miti e piacevoli. Si tratta inoltre del periodo migliore per assaporare appieno l’esplosione di profumi legate alla rinascita della natura marina.

In questa stagione non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione di gustare alcuni dei piatti tipici più emblematici della zona, i cui ingredienti sono proprio le verdure che nascono spontanee: lampascioni, cicorie selvatiche, fave nette, borragine, sono tutte alla base dei piatti tipici più buoni che fanno della semplicità la loro forza.

Le sagre di paese sono delle occasioni imperdibili per capire ed apprezzare al meglio la tradizione culinaria salentina. Queste si tengono nei centri storici di piccoli borghi allestiti a festa per l’occasione. La festa delle primizie, a Sannicola ne è un esempio. Una festa che ci porta indietro nel tempo, con una sfilata di carretti addobbati, sbandieratori, cavalli e ragazzi vestiti con abiti e costumi d’epoca, il tutto per celebrare l’inizio del periodo della raccolta.