Traslocare senza stress? Missione possibile con questi 4 trucchi

Traslocare senza stress? Missione possibile con questi 4 trucchi

Febbraio 16, 2020 0 di Admin

Chiunque ci è già passato lo sa bene: quello del trasloco è senza dubbio uno dei momenti più stressanti che ci si ritrova ad affrontare, soprattutto se si hanno bambini piccoli o altri impegni lavorativi e personali a cui badare contemporaneamente. Per fortuna, ci sono alcuni piccoli trucchi che aiutano a rendere lo spostamento da una casa all’altra un po’ meno faticoso: per scoprire quali sono, continuate a leggere questa breve guida pratica.

  1. Non cominciare all’ultimo momento

In tanti commettono l’errore di preparare ed effettuare il trasloco letteralmente all’ultimo minuto ed è questa una delle ragioni principali per cui lo trovano estremamente stancante. Soprattutto se si sono pattuite delle scadenze (con i vecchi o i nuovi proprietari di casa, con chi si occupa dei lavori di rinnovamento, eccetera) e, più in generale, per non finire con le energie a terra, è decisamente meglio iniziare in anticipo, anche con mesi di anticipo, a fare ordine tra le cose che si intendono spostare da una casa all’altra. Ci sono scatoloni che si possono riempire subito, come quelli che contengono libri, cd e dvd, quadri e soprammobili e tutta una serie di oggetti che non si utilizzano quotidianamente. Così facendo, tra l’altro, si ha più possibilità di fare selezione: un gran numero di oggetti a casa, infatti, sono inutili e finiscono per prendere polvere nei mobili o in ripostiglio; un trasloco potrebbe essere un’ottima occasione per liberarsene.

  1. Procurarsi scatoloni, scotch, etichette, pennarelli

Meglio anticiparsi anche nel procurarsi tutto il materiale che può essere utile durante un piccolo trasloco a Roma. Di cosa si tratta? Ovviamente di scatole e scatoloni dove sistemare gli oggetti da trasportare da un posto all’altro: trovarli non è difficile considerato che supermercati e negozi di ogni genere sono ben contenti di liberarsene. Altri contenitori “alternativi” che si potrebbero utilizzare sono anche le tipiche cassette da frutta: soprattutto in questo caso, però, potrebbe servire carta o altro materiale da imballaggio per evitare che gli oggetti si sporchino o prendano polvere. Anche nastro adesivo, etichette di carta e pennarelli aiutano a organizzare meglio il trasloco, per ragioni che si vedranno immediatamente.

  1. Scrivere e annotare

Oltre a pensarci per tempo e programmare, c’è una cosa che può rendere meno stressante un piccolo trasloco a Roma: organizzare e annotare tutto. È buona prassi, insomma, ogni volta che si chiude uno scatolone, prendere un pennarello a punta grossa indelebile oppure etichette e penne per scrivere cosa contiene, in che stanza va portato, eccetera. C’è chi per rendere tutto ancora più semplice usa un numero progressivo: è una sorta di “codice” che, a sua volta, va scritto su un’agendina o sugli appunti del telefono con accanto tutte le indicazioni del caso, che aiutino a ritrovare facilmente ciò che serve.

  1. Proteggere gli oggetti fragili

Importante è, infine, proteggere con massima cura gli oggetti fragili che possono rompersi durante il trasporto. Ceramiche, soprammobili, quadri e cornici sono tra questi ma anche, va da sé, piatti e bicchieri, senza contare gli schermi di televisori o computer. Una buona idea è usare cellophane e pluriball soprattutto per gli oggetti più fragili; un’ottima alternativa, decisamente low cost, è però anche la carta di giornale.