Stealth tecnologia con la sfida per il fashion

Stealth tecnologia con la sfida per il fashion

Marzo 13, 2019 0 di Francesco

La #stealthcommunity si conferma anche quest’anno cuore pulsante della moda e del fashion con il suo atteso appuntamento “Stealth Day” che si è tenuto a febbraio.

La manifestazione, lanciata e pensata da Dedagroup Stealth per l’ecosistema della moda e del lusso, quest’anno è stata dedicata al “Designing Fashion Future”, con interventi centrati sull’esperienza di trasformazione digitale di grandi brand come Fendi e Twinset.

#stealthcommunity è una community organizzata da Dedagroup per dare agli operatori e agli appassionati del settore tutte le informazioni necessarie per stare al passo con gli aggiornamenti del proprio settore ed essere costantemente informati nel mondo dinamico di Moda e Lusso.

Lo Stealth Day 2019 si conferma un indispensabile occasione per fare il punto sulle trasformazioni di un settore caratterizzato da rilevanti mutamenti dei mercati globali, dalla fluidità dei clienti di riferimento e dalle nuove e costanti sfide.

“Stealth Day – spiega Mimmo Solida, CEO di Dedagroup Stealth – si conferma un’occasione di incontro unica nel suo genere per la community del fashion. Community riunita attorno a una soluzione italiana di un’azienda sempre più impegnata nella realizzazione di progetti e iniziative su scala globale (negli ultimi due anni abbiamo assunto 150 persone per rispondere alle esigenze di internazionalizzazione dei nostri clienti)”.

Il Fashion come sfida

Nel corso dell’edizione di quest’anno dello Stealth Day, sono stati analizzati e discussi i mutamenti di scenario che attualmente incidono e sempre più incideranno sui risultati delle imprese che operano nel settore della moda. I principali elementi che sono emersi nella panoramica attuale, sono le nuove aziende che di recente si stanno affacciando sul mercato con mezzi già molto competitivi e capitali da investire, e il cambiamento della geografia – e di conseguenza di gusti e abitudini – della clientela, grazie all’ampiamento dei mercati di riferimento dovuta agli acquisti on line.

Il panorama della moda è diventato molto mutevole e questi richiede alle aziende una seria analisi dei propri obiettivi, mezzi e scopi, in particolare, per evitare la dispersione di energie e di risultati, oggi appare necessario identificare con chiarezza il proprio target di vendita, puntando anche con sicurezza sull’identità di brand e prodotto, non ché sulla nazionalità.

La Cina, per fare un esempio pratico, sta da qualche tempo cercando di superare il pregiudizio comune sui prodotti nazionali, tradizionalmente considerati di scarsa qualità rispetto a quelli di altri Paesi. Produttori Italiani, a fronte di questa spinta, devono porsi fra gli obiettivi quello di rendere i loro marchi solidi e degni di fiducia. La clientela, inoltre, è sempre più preparata ed esigente, attenta alla sostenibilità dei prodotti che sceglie e della supply chain. Si sta facendo strada la consapevolezza della rilevanza della circular economy, un concetto che comporta una radicale revisione della propria organizzazione aziendale”.

Una soluzione per le imprese può consistere nel cercare partners specializzati nel rispondere alle trasformazioni del business, non solo a livello tecnologico, ma anche in termini di mercato.

Designing Fashion Future – Fendi

Designing Fashion Future: Stealth Day si incentra quindi sullo sguardo verso il futuro, per studiare i vantaggi della trasformazione digitale nel comparto della moda. Le due testimonianze principali, quelle di Fendi e di Twinset, hanno svolto un ruolo fondamentale in questo percorso di analisi.

Frederic Munoz, COO di Fendi ha sottolineato come creatività e artigianalità siano le caratteristiche distintive del marchio, ma che attualmente il brand punta anche sull’efficienza dell’intera catena produttiva, che si basa su sistemi dinamici in tutti i livelli di produzione. Grazie a Stealth 3000 l’azienda si basa su un database unico e condiviso che permette il coordinamento di tutte le divisioni. Il prossimo obiettivo è avere un sistema per gestire al meglio anche il retail per monitorare in tempo reale le vendite, e arrivare rapidamente al cliente con l’offerta di prodotti personalizzati, gestendo perciò lotti di merce molto piccoli.

Designing Fashion Future – Twinset

“In seguito all’acquisizione di Twinset da parte del fondo Carlyle nel 2012 – ha raccontato Federico Tamburini, IT & Logistics director di Twinset – ci sono giunti tre input precisi: internazionalizzazione, retail e omnicanalità. Non eravamo pronti a raccogliere queste sfide, ci siamo messi prima di tutto al lavoro sui processi interni sia produttivi sia distributivi. E nel 2016 è iniziata l’implementazione della piattaforma Stealth. Abbiamo scelto questa soluzione perché specializzata nel nostro settore, in quanto vanta la presenza di persone esperte sulle quali possiamo contare nel modellare i processi affinché la tecnologia possa essere il più efficace possibile e perché abbiamo bisogno di lavorare in ottica internazionale. Sono d’accordo sul fatto che l’anima delle nostre realtà è la creatività, ma son altrettanto convinto che la tecnologia sia in grado di garantire il metodo per renderla profittevole. Pensiamo all’analisi dei big data, si tratta di tecnologie essenziali per capire, per esempio, che cosa vuole il consumatore, oppure, d’altra parte, per stabilire quali sono le attività più adeguate per una efficace gestione del magazzino”.

La tecnologia Stealth fra presente e futuro

Stealth® è una piattaforma estesa progettata per gestire in maniera integrata tutti i processi tipici delle aziende della moda e del lusso rendendole idonee per le strategie omnichannel. Consente inoltre un controllo ottimale di tutti i processi relativi a produzione, supply chain e distribuzione wholesale e garantisce un continuo controllo dei processi di produzione; facilita la gestione delle problematiche multibrand, multilingua e multiazienda.

Per il futuro Stealth punta i riflettori verso le tecnologie di intelligenza artificiale applicate all’ERP, perché diventino validi aiuti nelle decisioni del business,  dalla scelta dei fornitori ad altre decisioni strategiche.